giovedì, dicembre 05, 2013

Crostata alla crema cotta di Luca Montersino

Crostata alla crema cotta di Luca Montersino

Questa crostata ha una crema con dosi studiate per essere cotta in forno. La quantità maggiore di zucchero, infatti, evita che la crema diventi ruvida dopo il passaggio in forno.  


Inoltre Luca Montersino ha scelto di utilizzare lo zucchero di canna perché consente una maggiore caramellizzazione, una colorazione più bella del nostro dolce.


La decorazione scelta è con ananas e lamponi, ma questa crostata alla crema cotta va benissimo con frutta a vostra fantasia, va benissimo anche da sola!


Ingredienti per uno stampo da 20cm:

320 gr di latte intero
160 gr di panna fresca
240 gr di zucchero
145 gr di tuorli
30 gr di fecola di patate

Per la pasta frolla:

Ricetta delle sorelle Simili: http://parlarelibero.blogspot.it/2010/09/la-pasta-frolla-delle-sorelle-simili.html

Ricetta di Pellegrino Artusi: http://parlarelibero.blogspot.it/2010/09/la-pasta-frolla-di-pellegrino-artusi.html

Ricetta pasta frolla fine di Luca Montersino: http://parlarelibero.blogspot.it/2010/09/ricetta-pasta-frolla-fine-di-luca.html


Procediamo:


Portate a bollore il latte con la panna. Mentre latte e panna giungono a bollore montate i tuorli con lo zucchero (devono essere chiari e spumosi) e,una volta montati, unite la fecola mescolando senza smontare (nota: la fecola di patate è adatta per questa crema cotta in forno perché darà una struttura perfetta per il taglio mentre è sconsigliata per la classica crema pasticcera alla quale invece darà consistenza collosa).

Quando latte e panna saranno giunti a bollore versateci la montata di uova e mescolate energicamente con una frusta. La crema si addenserà in pochi secondi e sarà pronta.


Foderate con la pasta frolla una tortiera lasciando i bordi abbastanza alti, bucherellate il fondo della pasta frolla e ricopritelo con dei pezzetti di ananas sciroppato (ribadisco che potete scegliere la frutta che più vi aggrada).

Mettete la crema calda nello stampo e spianate leggermente lasciando la superficie un pò irregolare. Questa irregolarità permetterà una colorazione non uniforme della crema e un gusto particolare delle parti più cotte.


Cuocete a 220° per 20 minuti.


Posta un commento