martedì, dicembre 09, 2008

Coda alla vaccinara

2,5 Kg di coda di bue sgrassata
3 cucchiai di olio extravergine di oliva
100 g di lardo a fette sottili
1 cipolla piccola
2 spicchi di aglio
2 o 3 chiodi di garofano
1 bicchiere di vino bianco secco (preferibilmente dei Castelli Romani)
2 kg di pomodori pelati
1 sedano bianco
50 di uva sultanina
1 cucchiaio di pinoli
1/2 cucchiaio di cacao amaro
sale e pepe q.b.

Preparazione

Lavate bene la coda di bue e tagliatela a pezzi incidendola sulla giuntura delle vertebre e mondandola, se fosse necessario, delle parti grasse.
Fate soffriggere in un tegame dal fondo spesso in un filo d'olio extravergine di oliva il lardo pestato e unite la coda.
Quando è rosolata unite cipolla e carote tritati, l'aglio, i chiodi di garofano, il sale e il pepe.
Dopo qualche minuto sfumate con il vino bianco e coprite col coperchio.

Lasciate cuocere per 15 minuti, quindi unite il pomodoro pelato.

Fate cuocere ancora per 1 ora facendo attenzione che la coda non si "attacchi" sul fondo, quindi ricoprite i pezzi di coda con acqua calda, chiudete bene con il coperchio e cuocere lentamente per altre 3 ore fino a quando la carne non si distacca dall'osso. (Le tre ore di cottura sono indicative possono variare in più o in meno a seconda dell'età dell'animale e della frollatura della carne)

A questo punto prendere dei sedani bianchi, togliere loro i fili e sbianchiteli in acqua bollente , quindi tagliateli a pezzi e uniteli al sugo della coda insieme ai pinoli, all'uva passa ammollata e a mezzo cucchiaio di cacao amaro.

Fare bollire il tutto per 5 minuti, fate riposare per altri 5 minuti e servite
Posta un commento