giovedì, settembre 12, 2013

Facebook: censurata la campagna Benetton sull'infanzia

Adulti che si trasformano in croci per i bambini: un medico, un turista, un tecnico nucleare, un cardinale e un militare.

Queste le immagini forti scelte da Erik Raselo, direttore creativo di Fabbrica, l'agenzia di comunicazione visiva del gruppo Benetton, per la campagna "Los intocables" - “Gli intoccabili” promossa per far riflettere sulla condizione dell'infanzia nelle società contemporanee.

Erik Ravelo usando lo stesso linguaggio che ha reso complici etica ed estetica, ed insensibile chi ne abusa, con la campagna Los intocables serializza la crocifissione delle vittime di religione e turismo, guerre e nucleare, consumismo e mercato nero.

Le immagini certamente forti ma chiaramente rappresentative del problema dell'infanzia nella nostra società sono state oggetto di censura da parte di Facebook: “Sono abituato alla censura governativa di Cuba ma non a quella di Facebook. Non sono interessato a combattere contro il social, piuttosto voglio promuovere il mio lavoro"


Altra immagine della campagna di Benetton

Posta un commento